martedì 25 dicembre 2012

La Sacra Ka'ba



La Ka’ba (letteralmente il “cubo” in arabo) è una struttura in pietra antica che si trova all’interno della Grande Moschea della Mecca, in Arabia Saudita. Per i musulmani di tutto il mondo è il luogo più sacro della terra, quello che tutti loro sognano di poter visitare almeno una volta nella vita, quello verso cui bisogna rivolgersi per le preghiere quotidiane. Le sue origini e la data di costruzione si perdono nella notte dei tempi.
Secondo la tradizione islamica, la prima Ka’ba fu costruita da Adamo dopo la cacciata dal Paradiso terrestre; travolta poi dal diluvio universale, fu ricostruita da Abramo e dal figlio Ismaele i quali murarono nell’angolo sud-orientale dell’edificio la Pietra Nera ( Al-hajar Al –aswad), che avevano ricevuto dall’Arcangelo Gabriele. 
Secondo un’altra tradizione la Ka’ba fu costruita per la prima volta in cielo, duemila anni prima della creazione del mondo, dove ancora rimane il modello originario. Adamo poi la ricostruì sulla terra, in un punto posto esattamente al di sotto del luogo che l’originale occupava in cielo. Egli usò per costruirla pietre tratte dalle cinque montagne sacre: Sinai, al-Judi, Hira, Olivet e Libano. Diecimila angeli furono incaricati di sorvegliare la struttura che fu però distrutta al momento del diluvio, rendendo così necessaria la ricostruzione da parte di Abramo.
Sebbene fosse stata costruita come casa di culto monoteista, durante il tempo del Profeta Maometto, venne rilevata dagli arabi per ospitare i loro numerosi dei tribali. Fu nel 630, dopo anni di persecuzione e di esilio, che Maometto, tornato con i suoi seguaci alla Mecca, riuscì a distruggere i 360 idoli esposti all'interno della Ka'ba facendola tornare luogo di culto monoteista. 
Prima dell'avvento dell'Islam era di dimensioni assai più contenute, oggi misura 10 x 12 metri di lato e 15 metri di altezza; è coperta da un enorme telo di broccato nero chiamato Kiswah, che viene  rifatto e sostituito una volta all'anno e sul quale sono ricamate le parole della professione di fede .
L'ingresso è permesso solo agli inservienti e alla famiglia reale Saudita che ne ha la custodia. All'interno, vi è un pozzo, ormai essiccato, che anticamente era chiamato al-Akhsaf o al-Akhshaf, ed era destinato a raccogliere il sangue delle vittime sacrificali. 
Il pavimento è ricoperto di marmo bianco, i muri sono rivestiti fino a metà altezza di marmo rosa mentre   la parte restante e il soffitto sono coperti di stoffa verde decorata con alcuni versetti del Corano. Al centro, come sopporto del soffitto, ci sono tre colonne di legno alte 9 metri e scolpite con incisioni d’oro. Il soffitto è decorato con lampadari, che risalgono all’epoca Ottomana; fatti di vetro, argento e rame hanno anch’essi inciso alcuni testi del Corano. Di fronte alla parete nord ovest, ma non collegato con l’edificio della Ka'ba, c’è un muro di marmo bianco semi circolare si chiama Higr Ismail. Questo spazio gode di una speciale considerazione perché all'interno di esso si trovano le tombe di Ismaele e sua madre Hagar. Durante il pellegrinaggio annuale ("Hajj") , i musulmani camminano intorno alla Ka'ba in senso antiorario (un rituale conosciuto come "tawaf").

Condividi l' articolo su Facebook

lunedì 10 dicembre 2012

Matrimoni nel mondo islamico: usanze e tradizioni.



Sapevate che:
il momento più spettacolare della cerimonia nuziale in Iran, è quando davanti ai due sposi seduti su tronetti leggermente rialzati, i parenti sollevano un grosso specchio, consentendo ai due sposi di vedersi per la prima volta fianco a fianco dopo il “si”. In questo paese, dove  le donne sono obbligate a indossare il chador quando escono di casa, le nozze vengono spesso celebrate in casa per consentire alle spose di vestire abiti occidentali al riparo da sguardi indiscreti. In Kirghizistan è l’uomo  a decidere la donna che vuole sposare, e per convincerla ricorre alla tradizione: rapirla. Lei ha tre giorni di tempo per respingerlo e tentare di fuggire, trascorsi i quali non ha altra scelta che seguirlo all’altare. In Turchia per festeggiare le nozze si usa sparare in aria e quanto più è grande e potente l’arma, tanto più è considerata ben augurale per gli sposi.
In Afghanistan, nel giorno del loro matrimonio, i due sposi sono tenuti a stare a debita distanza. In una stanza festeggiano gli uomini, nell’ altra le donne. Curiosa anche l’usanza di non ricevere regali, ma di doverli fare a tutti gli invitati: mandorle per gli uomini e simboli del lavoro domestico per donne. Gli invitati maschi gettano petali di fiori sugli sposi e le donne regalano una sciarpa che li avvolgerà, simbolo di indissolubilità. Servire mandorle durante il ricevimento nuziale è una tradizione che resiste in molti paesi arabi. Ciascun invitato ne deve ricevere cinque. Le mandorle rappresentano i cinque desideri sacri per il matrimonio, che includono felicità, ricchezza e longevità. Il cuore della mandorla rappresenta i tempi duri che la coppia dovrà affrontare durante il matrimonio, mentre la parte dolce rappresenta l’amore. Vengono date cinque mandorle anche perché il cinque è un numero dispari e i numeri dispari non possono essere divisi, un simbolo dell' unione della coppia. 

Condividi l' articolo su Facebook

domenica 25 novembre 2012

Dubai : il Burj Khalifa


828 metri; questa è l’altezza del Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo. Noto anche come Burj Dubai o Dubai Tower,  il grattacielo è il centro di un vasto complesso che si sviluppa nel centro di Dubai e che comprende, tra gli altri, il 2° albergo più alto del mondo, il Burj al-Arab, la più grande marina artificiale del mondo, la Dubai Marina, le più grandi isole artificiali (le Palm Islands, le World Islands e il Dubai Waterfront) ed il più grande centro commerciale al mondo, il Dubai Mall
Progettato da Skidmore, Owings e Merrill, (già autori della Sears Tower a Chicago e della Freedom Tower a New York),  l’edificio presenta una base che ricorda la forma del fiore di Hymenocallis (fiore molto diffuso nella zona) e una struttura composta da tre elementi con un nucleo centrale. Sul Burj Khalifa sono presenti 27 terrazze che culminano con l'antenna. L'Hotel Armani occupa il 37º piano, i piani dal 45º al 108º ospitano 700 appartamenti privati (che pare siano stati tutti venduti entro otto ore dalla messa in vendita), al 78°  vi è una piscina , gli altri piani sono occupati da uffici, eccetto i piani 123º e 124º, che ospitano un centro di osservazione. Il Burj Khalifa possiede il più veloce ascensore al mondo che si muove a 18 m/s (64,8 km/h). Gli interni sono arredati da Giorgio Armani, proprietario anche di alcuni stabili del grattacielo.

Il Burj Khalifa detiene ad oggi diversi record:
 il più alto grattacielo al mondo : (precedentemente Taipei 101 con 509,2 m);
 la struttura più alta mai costruita: ( precedentemente l'antenna Radio di Varsavia con 646,38 m);
 la struttura più alta ancora in piedi: (precedentemente l'antenna della KVLY-TV  con  628,8 m);
 la struttura a sé stante più alta: (precedentemente CN Tower con 553,3 m);
 l'edificio con più piani: 163 (precedentemente International Commerce Centre  con 118 piani);
 gli ascensori più alti al mondo;
 gli ascensori più veloci al mondo: 18 m/s (64 km/h) (precedentemente Taipei 101  con 16,83 m/s);
 la gettata di cemento più alta per un edificio: 606 m (precedentemente Taipei 101 con  449,2    m);
 la prima struttura più alta al mondo ad includere appartamenti abitabili;
 la piattaforma d'osservazione esterna più alta al mondo;
 l'ascensore con il percorso continuo più lungo al mondo;
 l'ascensore di servizio più alto al mondo;
 l'installazione in alluminio e vetro più alta al mondo, a 512 m.


Panorama di Dubai con Burj Khalifa

Condividi l' articolo su Facebook

sabato 10 novembre 2012

Dubai Mall: il centro commerciale di Dubai


Il Dubai Mall, è uno dei più grandi centri commerciali del Medio Oriente. Inaugurato il 4 novembre 2008 da sua altezza lo sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, il centro si trova alla base del palazzo più alto del mondo, il Burj Khalifa ed è una delle mete più importanti per lo shopping e lo svago. Esternamente, la facciata principale si estende per  mezzo km e si contano ben 16000 posti auto. Al suo interno si possono trovare oltre 1200 negozi  e più di 120 lussuosi caffè e ristoranti, nonché una numerosa serie di attrazioni in un’area di circa 836.000 mq pari a 50 stadi di calcio. Qui si può ammirare:

La fontana di Dubai

Illuminata da 6.600 luci e 50 proiettori colorati, la fontana più alta del mondo si estende per 275 m e riesce a sparare getti d' acqua fino a 150 metri di altezza (equivalenti a 50 piani). Progettata dai creatori delle fontane del Bellagio a Las Vegas, la fontana esegue ogni giorno spettacoli di acqua e luce coordinati con la musica, con un repertorio che comprende musiche arabe e internazionali tra cui un pezzo del tenore italiano Andrea Bocelli. (pagina video)

KidZania

Tra intrattenimento e gioco educativo, KidZania è un parco divertimenti dove i bambini dai 4 ai 15 anni, possono giocare a fare gli adulti, condurre una vita indipendente e imparare la complessità del mondo dei grandi. E' una mini città di 80.000 mq  con strade, edifici, negozi e veicoli in movimento ed i bambini sono incoraggiati a scegliere tra oltre 80  ruoli diversi, da medico a vigile del fuoco, da banchiere a poliziotto indossando anche le varie uniformi e dando vita così a una vera e propria vera città. Gli adulti devono essere accompagnati da un bambino per entrare KidZania. 

Dubai Aquarium e Underwater Zoo

Il Dubai Aquarium è uno dei più grandi serbatoi del mondo;  51 metri di lunghezza per 11 di altezza e 20 di profondità. Ospita oltre 30.000 animali acquatici appartenenti a oltre 140 specie,tra cui più di 400 squali e razze. Essi possono essere osservati attraverso un grandissimo pannello acrilico. 
Una galleria di 48 metri che passa all’ interno della vasca principale, offre una visione a 270° da 11 metri sotto la superficie della vasca. I visitatori possono anche effettuare un giro a bordo di una speciale barca con il fondo in vetro, che offre una vista eccezionale dall ’alto dell’acquario. L'Underwater Zoo guida il visitatore in un percorso che gli permetterà di vedere animali marini di ogni specie, dai pesci scorpione alle meduse, dai pinguini ai piranha, dai coccodrilli ai pesci pagliaccio.

Sega Repubblic

Situato al  secondo piano e su 2  livelli del Dubai Mall, il Sega Repubblic è uno dei parchi divertimento coperti più grandi al mondo. Intitolato alla celebre casa di videogiochi giapponese, la sua struttura si sviluppa lungo una superficie di circa 7000 metri quadrati ed è suddivisa in cinque zone tematiche nelle quali si potrà scegliere tra simulatori, videogiochi, montagne russe, giostre e tante altre attrazioni di ogni genere.

Dubai Ice Rink 

La pista di pattinaggio olimpionica aperta a tutti, ospita durante l'anno eventi tematici, esibizioni di pattinaggio ed incontri di hockey. Noleggiando uno tra le 1800 paia di pattini importati dall'Italia, si possono prendere lezioni private o di gruppo e di partecipare a sessioni di pattinaggio libero ed al ritmo di musica dance.

Reel cinemas

Al 2 ° livello del centro commerciale si trova anche una cinema multisala con ben 22 schermi disponibili sia in 2D e 3D. Un nuovo film inizia  ogni 10 minuti.

Gold Souk

Con 220 rivenditori - distribuiti su una superficie di 850.000 metri quadrati – il Gold Souk è il più grande mercato coperto d'oro del mondo. Progettato da architetti di Northpoint,il Gold Souk ricrea il tradizionale fascino di un souk arabo in stile “mille e una notte”.  Camminando attraverso i suoi corridoi a tema e i cortili, il Souk dell’oro rivela il viaggio dei mercanti nomadi che attraversano il deserto per commerciare oro ed altre materie prime.


Condividi l' articolo su Facebook

lunedì 22 ottobre 2012

Eid al-Adha nel mondo


La “ festa del sacrificio” o Eid al-Adha si festeggia nel mondo musulmano, ogni anno nel mese lunare  islamico di Dhū l Hijja, mese in cui ha luogo il pellegrinaggio alla Mecca. E’ una festa molto importante e per questo viene anche chiamata Eid al-Kabir ( festa grande) in contrapposizione a l’Eid al-Saghīr (festa piccola), cioè la festa della rottura del digiuno alla fine del mese di Ramadan. Ma sono molti i nomi che le vengono attribuiti, tra questi Eid al-Nahr (festa dello sgozzamento) o Eid al-Qurbān (festa dell’offerta a Dio). Con questa celebrazione si commemora il sacrificio del montone fatto da Abramo al posto del sacrificio di suo figlio Ismaele, inizialmente richiestogli da Dio per mettere alla prova la sua fede e la sua obbedienza.
Eid al-Adha in:
Marocco
L’Eid al-Kabir, come viene più frequentemente chiamato in questo paese, dura tre giorni.
Si sacrifica un montone, una pecora o una mucca e una parte della carne viene distribuita ai poveri. Nonostante il sacrificio spetti solo a chi se lo può permettere, molte famiglie povere chiedono denaro in prestito per poter seguire l'esempio di Abramo nel dimostrare l'obbedienza a Dio. In questi  giorni di festa ci si reca nelle moschee per le preghiere, si fa visita a parenti e amici e ci si scambiano gli auguri: "kol sana tayeb inta wa" che tradotto,significa "Spero che ogni anno ti trovi bene".
Pakistan
Come in tutti gli altri paesi islamici, la festa inizia con preghiera comunitaria seguita da un sermone, poi le famiglie che se lo possono permettere, sacrificano un animale in onore ad Allah, distribuendo la sua carne ad amici, familiari e poveri.  La festa si protrae per quattro giorni e durante tutto questo periodo i negozi rimangono chiusi.
Bangladesh
"Kurbanir Eid" o "Eid Bakri" sono i nomi che contraddistinguono questa festa. Qui i preparativi iniziano quasi un mese prima ed è usanza acquistare dolciumi, stoffe  per confezionare abiti nuovi e preparare i regali da scambiarsi. "Qurbani" o il sacrificio di animali è considerato da molti, in questo paese, come un "sunna" (uno spettacolo religioso obbligatorio) e gli animali scelti per la macellazione devono soddisfare alcuni requisiti o il sacrificio è da considerarsi imperfetto. Il rito del sacrificio inizia subito dopo il "namaz" (cerimonia di preghiera) del primo giorno di Eid ul-Adha e continua per i prossimi due o tre giorni.
Turchia
Kurban Bayrami, come viene qui chiamata questa ricorrenza, si celebra come il Natale nei paesi occidentali. Si fanno le grandi pulizie in casa, si fa shopping comprando regali ed abiti nuovi e si inviano cartoline di auguri. I giorni di festa sono quattro e il sacrificio viene fatto generalmente nei giardini delle case o in posti pubblici organizzati. Ogni nucleo familiare sacrifica un vitello, una capra, una mucca o un agnello dividendo poi la carne in tre parti; la prima parte è per chi non ha potuto sacrificare un animale (i poveri), la seconda è per gli ospiti o parenti e la terza è per la famiglia.
Si può anche fare una donazione dello stesso valore di un sacrificio. Fare visita a familiari anziani e amici è considerato quasi un dovere per i turchi.
Malesia 
In questo paese la festa del sacrificio si chiama Hari Raya Haji o Eid il-Adha.  Dura  quattro giorni ed è usanza agghindare gli animali con gioielli di plastica.
India
La festa è celebrata dai musulmani dell’India, con molto entusiasmo e fervore. Le celebrazioni durano tre giorni. Id-ul-Zuha e Bakra-Id sono i nomi che vengono dati a questa ricorrenza. '"Id" parola che deriva dall'arabo "IWD" significa "festival" e "Zuha" deriva da "uzhaiyya", che si traduce in "sacrificio". Invece il nome “Bakra –Id” è dato a causa della tradizione di sacrificare una capra o "bakr" in urdu.

                                     26 ottobre 2012 
                Eid Mubarak
Condividi l' articolo su Facebook

domenica 14 ottobre 2012

Caratteristiche della musica araba


Per musica araba non si intende solo quella praticata nella Penisola arabica, bensì la musica cantata, suonata, ascoltata e capita da tutti coloro la cui lingua madre è l'arabo o uno dei suoi dialetti, indipendentemente dalla religione, dall'etnia e dal luogo di residenza.
Questa vasta area geografica si suddivide in tre grandi scuole musicali :
la scuola magrebina ( Marocco, Algeria, Tunisia, Libia )
la scuola siro - egiziana ( Egitto, Palestina, Giordania, Libano e Siria )
la scuola irachena ( Iraq, Arabia Saudita, Bahrein, E.A.U., Kuwait, Qatar, Oman e, con particolari caratteristiche, Yemen ).
A queste se ne può aggiungere una quarta definibile come arabo - africana 
( Mauritania e Sudan ).

1 - Nella musica araba non esistono le note temperate (cioé costruite su precise lunghezze d'onda stabilite a priori, nonostante gli studiosi abbiano a lungo cercato di definire in qualche modo delle regole teoriche): gli intervalli fra le note sono irrazionali, e vengono influenzato dalla sensibilità creativa del musicista.

2 - La musica araba è monodica: tutti gli strumenti producono la stessa melodia insieme, a differenza di quanto accade in un coro o in un'orchestra occidentale, in cui invece le varie melodie prodotte dai vari strumenti sono diverse fra loro e sono regolate dalle leggi dell'armonia musicale. Unica eccezione, la possbilità che altri strumenti tengano la nota di base della scala, producendo un basso continuo, durante un solo improvvisato (Taqsim).

3 - La musica araba è modale e si basa sul concetto di maqam: più che una scala il Maqam è un fenomeno musicale entro il quale si muove la composizione, e che porta con sé forti contenuti emotivi.

4 - La musica araba si basa, un po' come il jazz, sull'improvvisazione, e questo fatto porta con sé la grande importanza data alla comunicazione fra gli artisti e quindi la necessità di far ricorso enormemente al bagaglio di esperienza ed alla sensibilità personale.

5 - L'importanza della recitazione del Corano nello sviluppo della gusto musicale e della musicalità araba è fondamentale e non trascurabile.

fonte: http://www.musicaedanzaorientale.it/index.php



Condividi l' articolo su Facebook

domenica 30 settembre 2012

Gli angeli


Israfil
Nella tradizione islamica, gli angeli sono creature fatte di luce. Sono innumerevoli, invisibili e impalpabili per tutti gli uomini, eccetto che per i profeti. Sono anche coinvolti in un gran numero di fenomeni che sembrano del tutto naturali, come la pioggia, il vento, la nascita e la morte. E’ fede comune, nel mondo islamico, che gli angeli siano particolarmente vicini ai fedeli al momento della preghiera del mattino.
Due di loro, Keraaman (l’angelo della spalla destra che segna le nostre buone azioni) e Khatebeen (l’angelo della spalla sinistra che registra le cattive azioni), sono sempre accanto a noi, annotano ogni cosa e, al momento del giudizio finale, il resoconto che essi faranno della nostra vita non potrà in nessun modo essere contestato. Ma gli angeli sono soprattutto messaggeri, tramiti tra la volontà di Dio e la coscienza dei suoi profeti, da Abramo fino a Maometto. Il più alto tra loro, Jibril, il Messaggero, ha inciso particolarmente nella storia dell'umanità perché è stato colui che ha annunciato profeti e consegnato l’ultima rivelazione, quella che è alla base del Corano.
Nonostante questo, il Corano concepisce gli angeli come creature in qualche modo inferiori all’uomo: essi, infatti, non possono peccare in quanto non sono dotati di libero arbitrio. Gli uomini invece, possono fare sia il bene che il male e dunque se scelgono liberamente il bene, nonostante tutte le tentazioni derivanti dalla loro condizione fragile e carnale, fanno qualcosa di più alto di quanto possa fare anche il più alto degli angeli.
Il Corano racconta che c’è stato un momento in cui gli angeli sono stati tentati dalla disobbedienza, infatti quando Dio ha creato l’uomo e gli ha affidato la terra,  non comprendendo tale decisione,  alcuni di loro si sono ribellati. Sono in molti a chiedersi però , come creature prive di libero arbitrio, possano dissentire e ribellarsi. Alcuni studiosi affermano che nel momento stesso della ribellione, gli angeli cessano di essere tali e si trasformano in demoni, altri si limitano a considerare tutto ciò come un mistero, superiore alla capacità di comprensione umana. 
Il Corano accenna ad un’altra storia di ribellione, sviluppata poi dalle tradizioni iraniane. Gli angeli, che disprezzavano  gli uomini a causa dei loro innumerevoli peccati, non nascosero ad Allah il loro giudizio e vollero dimostrargli che essi avrebbero saputo facilmente astenersi dai peccati comuni degli esseri umani. Scelsero così due tra di loro Harut e Marut, esseri sapienti dotati di arti magiche e li mandarono tra gli uomini, ma niente fu come avevano previsto…. 
Ecco il nome di alcuni angeli che compaiono nel Corano e nella Sunna e che hanno funzioni molto precise: 
Israfil, colui che soffierà la Tromba del Giorno del Giudizio; 
Malik, il custode dell'Inferno; 
Ridwan ,il custode del Paradiso; 
Harut e Marut coloro che hanno introdotto la magia sulla Terra; 
'Azra'il l'angelo della morte; 
Munkar e Nakir gli angeli che puniranno i peccatori nella tomba; 
 Hafaazah sono angeli che ci proteggono.
 e Jibril, il Messaggero.

Condividi l' articolo su Facebook

lunedì 10 settembre 2012

Ouarzazate, la Hollywood del Marocco


Nella lingua berbera il suo nome significa “senza rumore”. In realtà, nella Valle del Dadès , luogo in cui Ouarzazate si adagia, può capitare di sentire il frastuono dell’assalto ai treni da parte degli arabi guidati da Lawrence d’Arabia, le urla nell’arena del Gladiatore e tanto altro ancora. E’ infatti, proprio in questa cittadina marocchina, fondata dai francesi nel 1928, stretta tra il deserto sabbioso del Sahara e le montagne dell’Alto Atlas, che il governo ha deciso di erigere la propria Città del Cinema. Sono quattro gli studios che ospitano un significativo numero di produzioni internazionali e che insieme costituiscono il più grande laboratorio “open air” del mondo: gli Atlas Studios, i KanZaman Studios, i Cinedina Studios e i CLA Studios. Qui trovano lavoro circa 100000 mestieranti tra tecnici,  artisti, albergatori e commercianti e  molti registi si lasciano attirare da condizioni climatiche assolutamente compiacenti (splende il sole 300 giorni all’anno) e da una posizione geografica che spalanca le porte sia all’Africa  che all’Europa.  Non sono poi da sottovalutare gli incentivi che il governo mette a disposizione. Chi decide di girare qui ha diritto all’assistenza delle principali istituzioni statali come l’Esercito, l’Aviazione, la Gendarmeria e la Polizia, a procedure semplificate per l’importazioni di armi e munizioni necessarie, a sconti relativi al trasporto dei beni e persone attraverso la compagnia aerea Royal Air Maroc , a tariffe simboliche per realizzare riprese nei siti storici e all’esenzione dell’imposta del 20%. Se a ciò si aggiungono i costi sufficientemente contenuti  e la suggestione dei paesaggi  è facile intuire perché, già dal 1952, anno in cui venne girato Otello di Orson Welles, Ouarzazate sia diventata una vera e propria oasi della pellicola. Gli Atals Studios, fondati dal magnate marocchino Mohamed Belghmi, hanno dato la paternità a pietre miliari come Il gioiello del Nilo (1985), Il tè nel deserto(1990), Kundun ( 1997), The legionary: fuga all’inferno (1998) e Il Gladiatore (2000). Ma il passaporto marocchino l’hanno anche film come La mummia e Il ritorno (1999 e 2000), Asterix e Obelix:missione Cleopatra (2002), Sahara ( 2005), Kingdom of Heaven (meglio noto da noi con il titolo Le crociate) ( 2005) e Babel ( 2006) che hanno goduto dell’ospitalità fornita da altre strutture, in particolare i CLA Studios. Nati per volere del re Mohammed VI, sono il frutto di un partenariato che dal gennaio 2005 mette insieme Dino De Laurentis, Cinecittà e Sanam Holding. Per gli appassionati del genere, ricordiamo anche che  proprio sotto il sole del Maghreb, all’interno della casbah, si è svolta nel 2006, la terza edizione del reality La fattoria, che ha fatto registrare un picco di turisti arrivati appositamente dall’Italia. Sempre all’interno della casbah sono state girate molte scene del film La straniera (2009) di Marco Turco. Tutti i giorni (salvo nel periodo delle riprese) dalle 9 alle 18, gli studios spalancano le porte ai visitatori. Qui, ad accoglierli troveranno due monumentali mummie “ rubate” alla scenografia di Asterix e Cleopatra e all’interno, potranno girovagare tra i vari set rimasti ancora in buona parte allestiti, ritrovandosi nel giro di pochi metri, nel cuore dell’Egitto faraonico, in un mistico tempio buddista d’Oriente, sulle strade polverose dell’antica Roma e ammirare in lontananza le possenti mura della città vecchia di Gerusalemme!

Condividi l' articolo su Facebook

domenica 26 agosto 2012

La Moschea di Cristallo

Masjid Kristal
La moschea di  Kuala Terengganu, meglio conosciuta con il nome di Moschea di Cristallo (Masjid Kristal), è un esempio di ingegno architettonico. Costruita sull'isola di Man Wan in Malaysia, tra il 2006 e il 2008, è stata ufficialmente inaugurata l'8 febbraio 2008 dal sultano Mizan Zainal Abidin. L’edificio, che ha una superficie di 2146 metri quadrati, 4 minareti e una capienza di 700 persone, è stato costruito in vetro e acciaio unendo lo stile arabo musulmano e lo stile cinese. Il vetro, che copre gran parte della moschea, riflette sia l'acqua che la luce solare creando un’ atmosfera davvero particolare e l’illuminazione interna fa si che le cupole risultino brillare. Fornita di tutti i comfort moderni come aria condizionata, sistema di distribuzione automatica dell'acqua per le abluzioni, apparecchiature audio e video multimediali, la moschea è dotata anche di strutture informatiche e di copertura WiFi, in modo da consentire al turista e agli utenti di accedere a tutti i servizi che vengono  offerti dall'amministrazione della moschea.

Condividi l' articolo su Facebook

giovedì 9 agosto 2012

La gelateria Bakdash



Apre a Damasco, in Syria, nel 1895, per opera della famiglia Bakdash, la gelateria più rinomata del Medio Oriente e forse di tutto il mondo arabo. Situata nel suq Al Hamidiyah,  è una tappa obbligatoria per chi visita la città e per chi vuole assaggiare un gelato artigianale preparato a vista con un metodo che in Europa non viene più usato da una cinquantina d’anni. In enormi contenitori refrigerati, gli ingredienti vengono montati a mano battendo con forza per mezzo di grosse e pesanti pale di legno.
Sono proprio gli ingredienti a dare a questo gelato una consistenza molto particolare, infatti alla panna fresca si aggiunge Chios mastice, zucchero e sahlab guarnendo poi la crema ottenuta con una cascata di granella di pistacchi. Il Chios mastice è la resina naturale della varietà pistacia lentiscus Chia, un albero che cresce solo nell'isola egea di Chios, in Grecia e si presenta in piccoli cristalli gialli detti lacrime. E’ un prodotto dalle molteplici qualità benefiche e  viene utilizzato oltre che nel settore farmaceutico, anche per profumi e cosmetici, bevande, prodotti da forno, dolci e in molte ricette di cucina.  La ricerca scientifica dimostra che Chios mastice ha attività anti-microbica, anti-infiammatoria e anti-ulcera,  inoltre ha effetti benefici sia per l'igiene orale che la cura della pelle. Sahlab è una farina ricavata dalla macinazione dei tuberi secchi di un’orchidea selvaggia che cresce nella Siria settentrionale al confine con Turchia.
Sempre molto affollato, il negozio conta un numero altissimo di clienti soprattutto durante il Ramadan in quanto sono molte le persone che vogliono festeggiare la fine del digiuno con questo prodotto ritenuto sano e naturale.
Persino presidenti, re, ministri  come il "Sultano Abdul Hamid, l'ottomano", il re del Marocco Mohammed VI, il re di Giordania Abdullah II, il re di Malesia, il Primo Ministro e il Presidente del Parlamento giordano, il Primo Ministro del Libano Rafik Hariri  e personalità artistiche importanti, come la cantante Umm Kalthoum, hanno voluto gustare questa specialità.

                                
Condividi l' articolo su Facebook

mercoledì 18 luglio 2012

Le lanterne del Ramadan


Sono tante le tradizioni che accompagnano il Ramadan e alcune di queste, pur non avendo nessun legame con la religione, sono molto sentite, come le fawanees (sing. fanoos o fanus) ossia le bellissime lanterne colorate che in questo mese abbelliscono strade, balconi, negozi e palazzi delle città.
Negli anni passati erano utilizzate dagli “svegliatori”, ossia da quelle persone che, circa un’ora prima dell’alba, giravano con piccolo tamburello e la loro lanterna per svegliare i cittadini che dormivano, in modo che potessero effettuare in tempo il loro sohur, l’ultimo pasto prima dell’inizio di una nuova giornata di digiuno. Ai nostri giorni tale usanza  la si può trovare ancora in alcune città dell’Egitto, soprattutto nelle zone popolari.
Per quanto riguarda l’origine delle fawanees esistono varie storie. Alcune fonti sostengono che la presenza del fanoos durante il Ramadan risalga al regno di Saladino, ma sembra più probabile che tutto abbia avuto inizio un po’ di tempo prima, quando il fatimide Al-Muizz li-Din Allah entrò in Egitto il 15 del mese di Ramadan e gli egiziani lo accolsero con lampade e torce.
Altre fonti invece sostengono che l’ uso delle lanterne era una tradizione natalizia dei cristiani copti e che, quando molti di questi si convertirono all’ Islam, portarono con loro l’usanza dei festeggiamenti con le lanterne fatte di latta e illuminate con candele.
Molte leggende sono nate anche attorno alla figura del califfo fatimide Al Hakim Bi-Amr Illah. C’è chi racconta che durante il suo califfato, le donne fossero autorizzate a lasciare le loro case solo durante  il Ramadan, ma dovevano comunque essere precedute da un ragazzino che portava un fanoos. In seguito queste lanterne vennero utilizzate come strumento per annunciare l'arrivo di una donna e mettere in guardia gli uomini in strada ad allontanarsi. Con gli anni le leggi riguardanti le donne divennero meno severe, ma la tradizione delle fawanees rimase.
Altri raccontano che l’usanza delle lanterne nacque quando il califfo Al Hakim, volendo illuminare le strade del Cairo durante le notti del Ramadan, ordinò a tutti gli sceicchi delle moschee di appendere le fawanees illuminandole con le candele.
Una terza storia invece racconta che una sera il califfo uscì alla ricerca in cielo della linea della luna che avrebbe indicato l’ inizio del mese Sacro e nel suo viaggio si fece accompagnare da bambini che portavano le lanterne e intonavano canti. 
Comunque, qualunque sia stata la sua origine, il fanoos resta un simbolo speciale del Ramadan. Oggi ne esistono di tantissimi tipi, ci sono anche quelle cinesi che riproducono musiche, oppure quelle con le immagini di personaggi famosi tra i bambini come Bakkar, Korombo e tanti altri cartoni animati.
Una settimana prima dell’inizio del mese, le strade egiziane vengono trasformate in capolavori di illuminazione con tantissime fawanees e i bambini giocando con la loro lanterna cantano una tradizionale filastrocca, in arabo egiziano dal titolo "wahawi ya "
La canzone è questa:

Wahawi ya Wahawi                              (metaforicamente  la luce del fuoco) 
Iyuha                                                  (parola che viene utilizzata per rimare) 
Ruht ya Sha'ban                                                (te ne sei andato, o sha’ban)
O Sha'ban                                     (riferimento al mese prima del Ramadan) 
Wi Gheet ya Ramadan                                         (sei arrivato , O Ramadan) 
Iyuha ....  
Bint el Sultan                                                                   (La figlia del sultano) 
Iyuha ... 
LABSA el Guftan                                                          (indossa il suo qaftan ) 
Iyuha ... 
Yalla ya Ghaffar                                                             (Per Dio perdonatore) 
Iduna el Idiya                                                   (facci dono di questa stagione)
Yalla ya Ghafar.





Condividi l' articolo su Facebook

martedì 3 luglio 2012

La leggenda del caffè

Venditore di caffè a Mokha

In Arabia esiste un’affascinante leggenda riguardante l’origine della comunissima bevanda.
Si narra che, nel XV secolo, lo sceicco Alì ibn Omar al-Shadhili, dopo aver bevuto il latte delle sue pecore, avesse sempre molta difficoltà a prender sonno. Pensò allora di fare alcune ricerche e scoprì che le sue greggi si cibavano delle bacche di una pianticella che era rimasta bruciata in un incendio. In vena di esperimenti, lo sceicco preparò un infuso con le stesse bacche, lo bevve e sorpreso dalle sue proprietà eccitanti lo elesse come suo ricostituente guadagnandosi, per questa sua  scoperta, anche la stima di tutti i suoi paesani. Alcuni marinai portoghesi di passaggio nello Yemen e precisamente nella città di Mokha, dove viveva lo sceicco, si trovarono ad assaggiare la nuova bevanda e, sentendosi rinforzati ne apprezzarono talmente  gli effetti benefici che decisero di portarne alcuni sacchi nella madrepatria. Ben presto la ricetta si diffuse in tutta Europa..
La bevanda, attirò anche l’interesse di inglesi ed olandesi e già nel XVII furono aperte le prime botteghe di caffè in Europa: a Vienna, Amsterdam, Londra e Venezia. Le più note compagnie di commercio mandarono i loro delegati per fare scorta delle bacche di caffè, e questo portò alle prime rudimentali relazioni diplomatiche tra continente europeo e l’ odierno Yemen. Il caffè, coltivato nell’entroterra montagnoso (cresce solo ad alta quota), veniva quindi trasportato per chilometri e chilometri a dorso d’asino o di cammello fino ad arrivare al porto di Mokha per poi essere esportato. 
Naturalmente la situazione di monopolio yemenita era scomoda per tutti (eccetto che per lo Yemen); cosicché gli europei si decisero a spostare le coltivazioni di caffè in località più propizie sotto il loro dominio coloniale. Gli olandesi, ad esempio, lo spostarono in Indonesia. Il risultato di questo processo fu la fine della potenza commerciale di Mokha, che divenne irreversibile nel XIX secolo, quando si accompagnò ad un cospicuo calo di popolazione. Tuttavia, a detta di molti la migliore varietà della ormai popolarissima bevanda rimane quella della penisola arabica, che premia la difficile e poco redditizia coltivazione sulle terrazze abbarbicate alle impervie montagne yemenite.

Condividi l' articolo su Facebook

venerdì 22 giugno 2012

I capi religiosi nell'Islam

Maroc - Casablanca 1928 -  Le Marabout de Sidi Belyout 


Quante volte si sono sentite pronunciare parole come mullah, ulema, imam, mufti’, parole che identificherebbero una specie di autorità islamica, paragonando il tutto al cattolicesimo. In realtà, secondo la shari’a, non esiste alcuna altra autorità su tutti gli uomini, se non quella di Allah. Non esiste nessuna forma di clero, in quanto nell’Islam non ci devono essere mediatori fra Dio e l’uomo. I vari mullah, ulema e mufti’…sono ( o almeno dovrebbero essere) solo studiosi della teologia e della legge islamica, con al massimo un ruolo di consiglieri verso la popolazione o verso le singole persone in caso di dubbi sulla religione, ma in ogni caso, la loro parola non è nient’altro che la parola di un uomo come tutti gli altri che va valutata e deve essere motivo di approfondimento personale sulla shari’a.
Il mufti, in quanto uscente da una scuola coranica, è l’unico che ha l’autorità di deliberare se una cosa è halal o haram ( lecita o proibita nell’Islam), ma pur sempre deve confrontarsi con l’opinione di altri studiosi islamici e rimane comunque sempre la parola di un uomo.
Imam: (colui che confida pienamente in Dio) nei Sunniti è il capo della moschea. Il primo imam fu Abramo. Negli Sciiti erano i discendenti di Alì che possedevano le doti spirituali-religiose e politico- militari di Maometto.
Mullah: è uno studioso della shari’a, un erudito, un dottore in materia.
Gli Ulema sono coloro che hanno raggiunto la vetta della scienza religiosa. Dottori, teologi, mistici dell’Islam.
I Mufti sono coloro che trattano la legge islamica quando si tratta di casi esplicitamente contemplati dalla Legge Scritta. Decidono in base al Corano ed alla tradizione, la Sunna,  cosa è peccato e cosa è osservanza. Sono coloro che emettono le Fatwa, le sentenze che hanno valore di legge e sono esecutive. 
I Marabutti sono coloro che hanno raggiunto un particolare stato di venerazione da parte del popolo a causa della testimonianza esemplare di vita e dottrina. Nel corso della storia furono missionari-guerrieri presso le tribù nordafricane. Oggi sono i santoni locali il cui intervento è richiesto dal popolo per guarire dalle malattie, per benedire i matrimoni, per accendere la fede personale, per gli esorcismi, etc etc...
Il termine "marabutto " si riferisce anche al mausoleo che ospita le spoglie del sant'uomo ed è oggetto di culto popolare.


Condividi l' articolo su Facebook

sabato 2 giugno 2012

I riad marocchini


Il riad (giardino) nasce, in origine, come giardino chiuso d'ispirazione andalusa, diviso in quattro settori e ornato al centro da una fontana d'acqua corrente. Si tratta in pratica della ricostruzione di un'oasi, che nella tradizione musulmana prefigura il paradiso celeste. Nella visione islamica, il Paradiso, o Eden, è infatti descritto come la sorgente di quattro fiumi, tra cui il famoso Al-Kawthar citato nel Corano. Anche nel riad l'acqua è onnipresente, grazie ad un sistema di canalizzazioni, sotterranee o superficiali, che alimentano la fontana o in alternativa una vasca. Dal riad prende il nome per estensione la casa che sorge attorno al giardino interno, dove incassate tra i  vialetti rettilinei, le aiuole traboccano di piante e di alberi: agrumi, melograni, cipressi, rampicanti, palme da dattero e banani. Le fragranze dei fiori d'arancio, di gelsomino, dei giacinti, dei narcisi, della menta e del rosmarino impregnano l'aria al calar della sera ed esaltano il senso di frescura che si leva dalla fontana e dai canali di irrigazione.  Il riad è concepito come luogo d'incontro e di piacere condiviso, dunque in grado di accogliere molte persone. Il patio, pavimentato in marmo o zellij, è talora circondato da portici su eleganti colonne, che consentono ai residenti e agli ospiti di passare da un luogo all'altro della casa al riparo del sole e dalle intemperie. Sul porticato si affacciano lunghe stanze rettangolari, principalmente sale e camere che ricevono luce da una serie di finestre basse, ornate di volute di ferro battuto. Nelle dimore più agiate tutti gli accessi alle stanze sono chiusi da battenti di cedro lavorato. La cucina, l'hammam, la dispensa e la scala che conduce ai piani superiori sono situati agli angoli del riad. Le dimensioni dell'abitazione, il numero delle logge e la profusione di decorazioni dipendono dallo status del proprietario, fino ad arrivare a riad che sono vere e proprie residenze principesche. Il palazzo della Bahia di Marrakech, eretto alla fine del XIX secolo dal Gran Visir, occupa una superficie di otto ettari e comprende vari cortili, un riad, un patio porticato e numerosi appartamenti ed è proprio a Marrakech che si trova il maggior numero di queste abitazioni tradizionali.
Queste grandi residenze, risalenti in alcuni casi a tre secoli fa, sono state negli anni passati, man mano abbandonate dalle intere famiglie che le abitavano a favore delle ville moderne costruite sul modello europeo fuori dai confini della città storica. Da una decina di anni, i riad, radicati nelle medine, sono oggetto di riscoperta da parte dei marocchini e degli stranieri; ristrutturati sono diventati per la maggior parte hotel.

Tratto da "Marocco" edito da DeAgostini

Condividi l' articolo su Facebook

giovedì 3 maggio 2012

Porte e campanelli

In Marocco, le porte rivestono una notevole importanza in quanto devono proteggere la vita privata di una famiglia dal mondo esterno. Soprattutto nelle vecchie case della medina si trovano grandi e pesanti porte di legno. Sono generalmente costituite da un pannello singolo o doppio di legno di quercia, di mandorlo, di pioppo, di noce o cedro e poi minuziosamente decorate con xilografie, forme geometriche o sono ornate con motivi incisi e dipinti. L’osso di cammello è usato di frequente in queste decorazioni artigianali. 
Al posto dei campanelli si usano batacchi in ferro di diversa forma, posizionati al centro della porta. Il batacchio più utilizzato ha la forma di una piccola mano, la mano di Fatima, e non serve solo come campanello ma anche come simbolo contro il malocchio.
Curiosità
Nelle vecchie città iraniane, le porte avevano due batacchi, uno per le donne e uno per gli uomini. Le diverse forme producevano suoni diversi e così chi era in casa capiva chi stesse bussando e di conseguenza chi dovesse aprire la porta. Questa era una questione di vitale importanza in quanto le donne non dovevano mai mostrarsi agli sguardi maschili, soprattutto se non velate.

batacchio per uomini                                               batacchio per donne

Condividi l' articolo su Facebook

martedì 10 aprile 2012

Myriam Fares


Cantante, ballerina , attrice , produttrice discografica e stilista di moda, Myriam Fares  ( ميريام فارس‎ ) è un’artista completa. Il suo repertorio musicale comprende canzoni classiche e moderne e con la sua voce notevole e  la capacità di muoversi e ballare sul palco, dà vita a spettacoli molto dinamici apprezzati in tutto il Medio Oriente. 
Myriam nasce nel 1983 a Kfar Shlel , un piccolo villaggio nel sud del Libano. A cinque anni  inizia a studiare danza classica e a 9 anni, partecipa al programma televisivo “Al Mawaheb Al Saghira” su Tele Libano aggiudicandosi il primo premio nella danza orientale. Si iscrive in seguito, al Conservatorio Nazionale di Musica per apprendere i principi del canto orientale e a 16 anni partecipa al Festival della Canzone libanese vincendo il primo premio come miglior cantante popolare. L’anno seguente ottiene lo stesso risultato al Fan Studio 2000 .
2003: Myriam
A 21 anni lancia il suo primo album “Myriam” che ottiene subito un grandissimo successo. Il video musicale di "Ana Wel Shouq" diventa uno dei video più richiesti in tutto il mondo arabo. Stesso successo per il secondo video-clip "La Tis'alni", diretto da Salim El Turk, dove Myriam mette in risalto il suo carisma e la sua personalità attraverso la danza. Nel 2004 i  tour in Giordania, Emirati Arabi Uniti ed Egitto consolidano il successo di Myriam  che viene  nominata "Miglior cantante e artista femminile" nel mondo arabo vincendo anche il premio per il miglior clip video. I concerti sold out  in tutto il Medio Oriente le valgono il soprannome di “Queen of  Sage”. Attira anche l’attenzione di uno dei creatori di profumi più rinomati della regione , Mahmoud  Saiid che collabora con Myriam per il lancio di una nuova fragranza unica per uomini e donne che prende il nome del suo primo hit “Ana wel shouk”. 
2005: Nadini
Nel luglio 2005, la star libanese presenta il suo nuovo album "Nadini", risultato di mesi di preparazione e di collaborazione con compositori arabi e scrittori. Con  "Haklik Rahtak" , canzone scritta dalla sorella Fares Roula, si classifica al primo posto in Libano, Egitto e Tunisia. Primissime posizioni anche per le altre canzoni dell’album tanto che nel novembre 2006, "Al Ahram Al Masriya" uno dei principali quotidiani egiziani, elegge  Myriam miglior giovane cantante nel mondo arabo. Nello stesso periodo, MTV Europe  trasmette i video di Myriam,  primo artista arabo ad apparire su questo canale. 
2008: Eh Bet'oul
Il terzo album di Myriam "Bet'oul Eh", esce  nel mese di aprile 2008 ed  è un misto di generi musicali  creativamente messi insieme per soddisfare tutti gli ascoltatori, soprattutto i suoi fan. L'album è composto da 9 canzoni tra cui "Mouch Ananiya", una ballata romantica che ottiene molti consensi. Questo è anche l’anno in cui Myriam appare nelle pubblicità di Sunsilk shampoo e Freshlook lenti a contatto.
2009 : Silina
Sotto la supervisione del regista Ali Hatem, Myriam è scelta come attrice principale per il remake del film capolavoro dei fratelli Rahbani "Hala wal Malek" (Hala e il Re) . Il film uscito con il titolo "Silina", comprende un folto gruppo di stelle del cinema libanesi e siriane. 
2011: Min Oyouni 
Il quarto e ultimo album di Myriam, "Min Oyouni", uscito il primo di settembre 2011,  è il suo primo album Khaliji (ritmo tipico della musica che proviene dai paesi del Golfo) .Tra i  vari pezzi musicali troviamo Atlah, tipica canzone marocchina , Ya Sariyah una tradizionale canzone  Khaleeji e Artah, canzone irachena.



Condividi l' articolo su Facebook

domenica 18 marzo 2012

Dubai, il paese dell'oro.



Tra le dune del deserto degli Emirati Arabi  sorge Dubai, un luogo dove il lusso regna sovrano. Questa è, infatti, la terra dell’ostentazione della ricchezza, un luogo dove gli architetti e gli stilisti più rinomati costruiscono e arredando palazzi, appartamenti, ville, isole e resort, destinati a vip, attori, sportivi e celebrità. Ma questo è anche il paese dove l’oro è venduto più a buon mercato.
Ciò è dovuto al fatto che vi è una tradizione molo radicata di commercio e lavorazione del prezioso materiale fin dai tempi in cui Dubai era un crocevia commerciale che dalle Indie si chiudeva in Europa e viceversa. A Dubai esistono numerosi suq specializzati nella compravendita dell’oro. A partire dal tardo pomeriggio, le strade intorno al Gold Suq si riempiono di gente proveniente dalle più svariate parti del mondo: chiunque , giunto nella città, rimane affascinato dalla “City of Gold”. Brillanti, pietre preziose, bracciali, orologi, anelli e collane, brillano nelle vetrine illuminate delle oltre 300 gioiellerie, situate una dopo l’altra lungo il Gold Suq. Ciò che attira maggiormente sono i prezzi che sono tra i più economici al mondo anche grazie all’usanza di “mercanteggiare” il prezzo con i venditori. Solitamente si può scendere anche di una cifra importante, basta insistere nel modo corretto e pagare in contanti ( la carta di credito è accettata, ma pone fine alle contrattazioni). A Dubai, la maggior parte degli hotels situati sulla spiaggia, offre nel pomeriggio, un trasporto bus gratuito (il cosiddetto “shuttle bus”) con destinazione proprio i negozi del  Gold Suq, che solitamente chiudono i battenti alle 10 di sera.

Condividi l' articolo su Facebook

sabato 3 marzo 2012

Le donne afghane



Fino al 1992, le donne afghane potevano studiare (avevano accesso a tutte le facoltà universitarie), lavorare (erano presenti in tutte le professioni) e guidare. Con la salita al potere dei fondamentalisti islamici, il diritto delle donne di partecipare pienamente alla vita sociale, economica, culturale e politica, viene drasticamente ridotto e, in seguito con l’avvento dei talebani, le donne sono praticamente cancellate dalla società e obbligate a nascondersi sotto il burqa, un lungo mantello che le copre completamente dalla testa ai piedi. Alle donne che non rispettano i divieti imposti sono inflitte pene che vanno dalla violenza verbale alle frustate, alle botte, alla lapidazione fino alla morte.
E’ vietato:
- lavorare fuori casa (i datori di lavoro sono minacciati di atroci conseguenze nel caso assumano impiegati di sesso femminile). Solo alcune donne medico e infermiere hanno il permesso di lavorare in alcuni ospedali a Kabul.
- uscire di casa se non accompagnate da un “mahram” (parente stretto come un padre, un fratello o un marito).
- trattare acquisti con negozianti maschi.
- essere visitate da medici maschi ed entrare in una sala operatoria se è presente anche un solo medico maschio.
- avere assistenza sanitaria.
- studiare in scuole, università o altre istituzioni.
- usare cosmetici.
- parlare o dare la mano a uomini che non siano parenti stretti.
- ridere e parlare ad alta voce: 
- portare tacchi alti che fanno rumore: nessun uomo deve sentire i passi di una donna.
- prendere il taxi senza un mahram.
- essere presenti in trasmissioni radio, televisive o incontri pubblici di qualsiasi genere.
- praticare un qualsiasi sport o entrare in un centro sportivo o club.
- usare la bicicletta o la moto senza un parente stretto.
- guidare l’automobile.
- usare vestiti colorati e vivaci considerati “sessualmente attraenti”.
- incontrarsi in occasioni di festa e per fini ricreativi e di svago.
- lavare vestiti vicino a fiumi o in luoghi pubblici.
- apparire sui balconi delle proprie case.
- fare fotografie e filmati.
E’ inoltre vietato 
-ai sarti maschi di prendere misure per le donne o cucire vestiti femminili.
- a uomini e donne di viaggiare sugli stessi bus.
- ascoltare musica e vedere film.
Il governo talebano ha diffuso il terrore in Afghanistan e le vittime sono state soprattutto le donne che hanno vissuto quotidianamente nell’angoscia di una severa punizione anche per un minimo errore di comportamento. (Frustate in pubblico per le caviglie scoperte, taglio delle dita per le unghia dipinte, lapidazione pubblica fino alla morte per l’accusa di rapporti extraconiugali). 
Grazie agli ultimi eventi politici, le donne oggi non sono più prigioniere nelle loro case, ma rimangono nascoste nel burqa e camminano silenziose. Ci vorrà sicuramente ancora molto tempo prima di ritornare alla normalità: ascoltare musica, leggere, uscire senza alcun timore di essere punite…



   8 marzo: festa della donna

     Auguri a tutte le donne

Condividi l' articolo su Facebook

domenica 12 febbraio 2012

Regole e doveri in un matrimonio islamico


Il matrimonio islamico o  “nikah” non è un sacramento, ma è un contratto tra un uomo e una donna nel quale ogni partner è libero di includere clausole atte a tutelare entrambe le parti. Queste clausole hanno valore sia civile che penale. Tuttavia il matrimonio ha un ruolo morale ben preciso ed è vissuto con assoluta serietà e rigidità religiosa dal momento che la famiglia è l'unico modo riconosciuto di unione tra i sessi sia fisico che spirituale. Nell’ Islam non vi è posto per il celibato. Molti imam affermano che il matrimonio è NAFL o MUSTAHABB o MUBAH (preferibile, raccomandato, lecito), altri, invece, lo considerano WAJIB (obbligatorio). Sta di fatto che per gli islamici il matrimonio è un dovere religioso nel quale essi trovano reciproco adempimento e autorealizzazione, amore e pace, compassione e serenità, conforto e speranza.  Il matrimonio ha anche regole ben precise  a cui sottostare. 
La verginità . Ogni futura sposa deve essere vergine prima della cerimonia, in caso contrario può essere restituita alla sua famiglia e potrebbe non avere più la possibilità di sposarsi. Anche gli uomini dovrebbero esserlo, ma non è così semplice stabilirlo. 
I doveri del marito verso la moglie. Nella religione islamica  il marito ha la responsabilità di soddisfare le esigenze della moglie. Questa regola è stabilita dal Corano e dalla “sunnah” o consuetudine. Il marito deve prendersi cura della moglie e deve assicurarsi che lei abbia la sicurezza fisica e mentale. La moglie ha diritto all’abbigliamento, alle cure mediche, al cibo e all’alloggio forniti dal marito. L’alloggio dovrebbe garantirle comodità, privacy e indipendenza. Se la moglie è troppo malata per compiere le faccende domestiche, deve essere aiutata da una cameriera, inoltre il marito deve sempre trattare sua moglie con rispetto e tenerezza. 
I doveri della moglie verso il marito. Il dovere principale di una moglie è assicurarsi che il matrimonio sia felice e tranquillo. Deve occuparsi della comodità di suo marito e deve prendersi cura della sua salute. Una donna deve essere sempre degna di fiducia e non deve commettere mai nessun atto ingannevole nei confronti del marito. Deve essergli fedele e non deve ricevere uomini in casa, o accettare regali da altri uomini, senza il consenso del marito. Non può disporre di niente senza consultarlo prima. 
Obbedienza. L’obbedienza è un fattore vitale nel matrimonio musulmano, ma non è intesa come uno strumento di controllo. L’obbedienza serve a mantenere la famiglia al sicuro e intatta. Secondo la fede islamica questa aiuterebbe a far funzionare meglio il matrimonio. Un marito ha il diritto di essere obbedito dalla moglie, perché è il capo-famiglia, ma la moglie è sempre sua pari, in ogni modo. 

Condividi l' articolo su Facebook

giovedì 26 gennaio 2012

La Gran Moschea di Abu Dhabi



Sole tutto l’anno, spiagge bianchissime, dune di sabbia spettacolari e uno skyline di grattacieli ultramoderni…è con questo scenario da favola che Abu Dhabi si presenta ai suoi visitatori, ma la città non è solo resort di lusso, grandi magazzini ed edifici artificiali, vi si trovano anche monumenti storici e maestose moschee. Pensate che solo in questa città se contano ben 150, tra cui la Grande Moschea dello Sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan (l’unica visitabile anche dai non-musulmani). Questa Moschea, iniziata  dal presidente Sua Altezza lo Sceicco Zayed bin Sultan di Al Nahyan, considerato il padre degli Emirati Arabi Uniti, è senza dubbio uno dei più importanti tesori architettonici dei moderni Emirati Arabi Uniti, nonché uno dei più belli al mondo. La costruzione della Moschea fu presa in considerazione alla fine degli anni ’80 e per tutto il decennio successivo si analizzarono soprattutto la sua ubicazione e il suo progetto, solo verso la fine degli anni ’90 fu posta la prima pietra. La Gran Moschea Sceicco Zayed, comunemente chiamata la Gran Moschea dai residenti locali, è considerata una costruzione che “unisce il mondo”, dato l’utilizzo di artigiani e materiali provenienti da diversi Paesi, fra cui Italia, Germania, Marocco, India, Turchia, Iran, Cina, Grecia ed Emirati Arabi Uniti e alla sua realizzazione hanno preso parte oltre 3.000 operai e 38 famose società appaltatrici.
La superficie della Moschea, pari a 22.412 metri quadrati, (corrisponde a circa cinque campi da football) può contenere ben 40.960 ed è così suddivisa: un grande ingresso, un ingresso alla sala principale delle preghiere, una sala principale delle preghiere, una sala delle preghiere aperta, una sezione femminile e il Sahan (cortile). 
Le 1.000 colonne presenti nelle aree esterne sono rivestite con oltre 20.000 pannelli di marmo intarsiati di pietre semipreziose come lapislazzuli, agata rossa, ametista e madreperla. Le 96 colonne della sala principale delle preghiere sono rotonde e intarsiate di madreperla. La Moschea presenta, ai quattro angoli, quattro bellissimi minareti, ognuno alto quasi 107 metri ed è caratterizzata da 82 cupole in stile moresco e marmo bianco. La struttura esterna della cupola principale misura 32.8 metri di diametro ed è alta 70 metri dall’interno e 85 metri dall’esterno, caratteristiche che la rendono la più grande nel suo genere secondo il Centro Ricerche Turco per la Storia e la Cultura dell’Islam. 
Piscine ricoperte di piastrelle nere circondano la Moschea, riflettendone l’immagine e rendendola, di notte, ancora più splendente, mentre marmi e mosaici floreali pavimentano i 17.000 metri quadrati del cortile decorato in marmo bianco proveniente dalla Grecia.
L’interno, curato nei minimi particolari, fa da complemento al grandioso esterno della Moschea. Il marmo bianco italiano e i motivi floreali intarsiati adornano le sale delle preghiere, mentre le mura interne presentano mosaici ornamentali di vetro color oro. La principale porta in vetro è alta 12,2 metri, larga 7 metri e pesa approssimativamente 2,2 tonnellate. 
La sala di preghiera principale sotto la cupola maggiore è caratterizzata dal lampadario a candelabro più grande del mondo: 10 metri di diametro, 15 metri di altezza e oltre nove tonnellate di peso. I sette lampadari color oro della Moschea, provenienti dalla Germania, sono composti da migliaia di cristalli Swarovski provenienti dall’ Austria.
La sala di preghiera principale, che può contenere circa 7.126 fedeli, vanta il più grande tappeto annodato a mano del mondo. Disegnato dall’artista iraniano Ali Khaliqi, il tappeto è stato realizzato da 1.200 artigiani dei piccoli villaggi intorno a Mashhadin in Iran, che sono poi volati ad Abu Dhabi appositamente per cucire i pezzi per l’impianto finale. Con i suoi 2.268.000 nodi, il tappeto  è stato valutato 8,2 milioni di dollari (30 milioni di dirham).
Il muro che indica la direzione verso la Mecca( Qibla ), alto 23 metri e largo 50 metri è decorato in modo molto semplice per  non distrarre i fedeli dalla preghiera, mentre il Mihrab (la nicchia inserita nel muro) è un mosaico di vetro color oro .
Le 99 iscrizioni (qualità) di Allah riportati sul muro Qibla seguono la tradizionale calligrafia Kufi, creata dall’eminente calligrafo arabo Mohammed Mandi; il muro è caratterizzato inoltre da una soffusa illuminazione in fibra ottica, che è parte integrante del disegno organico.
All’interno della moschea sono stati usati tre diversi stili di calligrafia (Naskhi, Thuloth e Kufi) opere di Mohammed Mendi (Emirati Arabi Uniti), Farouk Haddad (Siria) e Mohammed Allam (Giordania).
Sono presenti anche 80 pannelli di Iznik (piastrelle di ceramica molto decorate popolari nel XVI secolo) che risaltano negli edifici religiosi e imperiali di Istanbul. Realizzate a mano secondo la tradizione, tutte le piastrelle sono state create dal calligrafo turco Othman Agha. (pagina video)


Condividi l' articolo su Facebook